Vai al contenuto principaleVai al footer
Lifestyle

un gelato al sedano, please

aprile 2022 - Numero 22
Condividi
un gelato al sedano, please

Una fresca carrellata sulle novità del gelato, l’alimento più amato dell’estate

Testo di Marta Nicolazzo - Foto Gabriele Ancillotti

Dopo il riconoscimento nel patrimonio culturale italiano della dieta mediterranea, della vite ad alberello di Pantelleria e dell’arte tradizionale del pizzaiolo napoletano, anche il gelato inizia la sua corsa verso l’Unesco. Alla Commissione Nazionale è stata infatti proposta la candidatura “Maestri del Gelato Artigianale di Tradizione Italiana” affinché l’arte dei gelatieri nostrani possa essere riconosciuta come Patrimonio dell’Umanità. Un’arte che in Toscana è radicata fin dai tempi di Caterina de’ Medici. Ed è proprio a Firenze che, nel 2014, nasce un gusto dedicato a Forte dei Marmi, dall’idea di Vetulio Bondi – cultore del gelato artigianale – per festeggiare il centenario del comune. Della cittadina versiliese Sante Del Pizzo è uno dei gelatieri più affermati. Nella sua centralissima gelateria – da Sante – una delle novità dell’estate è +Forte, un croccantino al rum dal gusto temprato e retró, omaggio proprio al nostro giornale. Un sapore quasi nostalgico è quello che si riscopre gustando le bontà del Cervino, la storica gelateria che spicca tra le boutique del centro e che si fa portabandiera delle eccellenze italiane IGP e DOP. A rimanere ancorata alla tradizione è l’Imperiale che si distingue per un prodotto “classico” e genuino, capace di sbalordire i palati più fini con boom di novità come la Liquirizia pura. “Il gelato come si deve” si trova da Bellamia che della naturalezza ha fatto la sua filosofia. Il latte e l’acqua dell’Appennino emiliano, uniti alle uova biologiche, sono il segreto di gusti unici come Cuor di panna e Stracciatella.

L’importanza di rispettare l’alta qualità delle materie prime, necessarie per un gelato doc, è un sentire comune sul litorale versiliese. Si unisce al coro anche La Chicca, paradiso delle particolarità più disparate tra cui Cioccolato, pere e rum e il Pinolo, fatto con i semi raccolti nelle pinete di Pisa.

Ma c’è anche chi dalla tradizione si distanzia per dare spazio alle ultime tendenze: è il caso di Sole Mio, olimpo del gusto per vegani e sportivi, che propone prelibatezze vegetali e proteiche. E se a Reggio Calabria inventano il gusto Bronzato al caramello salato, omaggio ai Bronzi di Riace della Magna Grecia, a Marina di Massa il gelato si fa arte: la gelateria Grand Cru collabora infatti con la galleria Laura Tartarelli Contemporary Art di Pietrasanta per dar vita a un gelato “artistico”, un mix di colori e di bontà perfetto per stupire vista e palato e un guizzo singolare per raccontare il territorio.

Passeggiando nel centro della “Piccola Atene”, un pit stop obbligato è da Cuore di Gelato; a indurre in tentazione è il loro cavallo di battaglia, la Castagna, un cremoso realizzato con farina dolce 100% della Garfagnana. Per chi avesse voglia di stravaganze, il place to be è il bar Galliano di Viareggio che presenta Ricotta e spinaci, Parmigiano e sedano e Gorgonzola e pere, perché come disse il Mastro gelatiere di casa, Enzo Vannozzi, “Tutto si può trasformare in gelato!”.

le gelaterie del Forte (e le altre citate nel servizio)

• Bellamia via Idone 5, 0584 85018 • Cervino via Spinetti 16, 333 6244777 • Da Sante via Matteotti 12, 333 2286063 • Il Maestrale via Piave 38, 366 3911526 • Il Sole via dell’Acqua 15C, 0584 81142 • Imperiale via Colombo 97A, 320 1162275 • La Chicca via Piave 15, 0584 787054 • Mancuso via Achille Franceschi 12, 334 3606545 • Mariani via Mazzini 43, 380 7826368 • Nelson Club via Mazzini 212, 0584 752345 • Le Lumie via Padre Ignazio da Carrara 23, 327 3425269 • Ristori via Cavour 9D, 0584 80298 • Sole Mio via Mazzini 15E, 329 4039037

• Galliano v.le Marconi 127, Viareggio e via Carducci 95, Fiumetto (estiva) 0584 50015 • Grand Cru v.le Roma 116, Marina di Massa, 391 7195200 • Cuore di Gelato via Mazzini 23, Pietrasanta, 392 4193371